mercoledì 6 marzo 2013

Buon Compleanno mia Me

Ma com'è che stai anni ferma immobile, quasi atterrita o irretita, incapace di vedere oltre, di guardare più su' del tuo naso e poi arriva il giorno che fai "click" e niente è come prima: cambia il paesaggio, la prospettiva e il tuo vederti. 



Tutto quello che prima sembrava impensabile e improponibile, adesso ti sembra la cosa più logica che ci sia e quasi ti chiedi che ci sei stata a fare imbalsamata anni, ma poi ci pensi e lo senti dentro cos'è, perché lo sai che quei passi e quegli inciampi e quell'andare e ritornare e chiudere cerchi per poi aprirne altri, tutto ha avuto un senso e tutto io benedico. La gratitudine infatti mi vince su tutto. Sulle tristezza, sulle paure, sulle incertezze... su tutti i sentimenti è la gratitudine a vincere. Perché ci sono sempre stata io in tutto, non mi sono mai risparmiata, io con me c'ero, quando riuscivo e quando sbagliavo. Sempre. Ed è la mia me che prendo per mano adesso e che vedo tutta e sono felice di farlo e di aver fatto tutto quello che ho fatto, sempre con lei al mio fianco. 
Non so dire, ma è come se oggi fosse il mio primo compleanno, come se festeggiassi il mio vedermi e frugo tra le parole di una canzone per dirmi:  

Buon compleanno, bellissimo amore
riuscissi soltanto a spiegarlo a parole
il tanto che danno le singole ore d'estate passate con te.
Di che cosa sono fatte tutte le emozioni e dove piano aspettano distratte che una scusa di bufera o terremoto le sprigioni da quell'angolo remoto di ogni stupida paura?